Attestazione SOA: cosa cambia dal 2023?

L’attestazione SOA diventa obbligatoria dal 2023, a seguito delle importanti novità riportate sulla Gazzetta Ufficiale del 20 maggio 2022.

La Gazzetta Ufficiale annuncia infatti che, a partire da gennaio 2023, per gli appalti di importo superiore a 516.000 euro, le imprese devono necessariamente essere in possesso dell’attestazione SOA a tutela del committente.

Le novità

Finora l’attestazione SOA veniva richiesta solo in caso di appalti pubblici che superassero i 150.000 euro. A breve invece sarà necessaria per garantire che l’impresa in questione abbia una capacità economica proporzionata all’entità dei lavori, un’attrezzatura professionale sufficiente, una documentata esperienza nel settore e un direttore dei lavori qualificato per il progetto specifico.

Nel caso in cui una piccola società non sia in grado da sola di rispondere a tutti i requisiti richiesti, può raggiungere questi ultimi associandosi con altre società.

Quali sono i tempi per adeguarsi alle nuove disposizioni?

È previsto un periodo transitorio che scadrà il 30 giugno 2023. Fino a tale data, tutte le imprese che hanno già fatto richiesta ma non hanno ancora ottenuto la certificazione possono comunque continuare a lavorare.  Dall’1 luglio 2023, invece, l’attestazione SOA sarà ufficialmente obbligatoria per tutti coloro che desiderano accedere alle detrazioni fiscali.

Hai trovato interessante questo articolo? Dai un’occhiata ad altri simili sfogliando il nostro Magazine.

No Comments

Leave a Reply

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su novità, promozioni ed eventi Tecnocomp.


    Notice: Undefined index: img in /web/htdocs/www.tecnocomp-group.it/home/wp-content/plugins/ct-ultimate-gdpr/includes/views/cookie-popup.php on line 116